26 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > Notizie

Doping: Didoni in tribunale, mai sospettato di Schwazer

21-01-2016 21:01 - Notizie
Nega di avere avuto qualsiasi ruolo nella vicenda del doping del marciatore Alex Schwazer Michele Didoni, l´allenatore dell´altoatesino al momento della riscontrata positivita´. Il tecnico è stato sentito in tribunale a Bolzano ed ha ribadito la sua posizione. Nell´interrogatorio, a Didoni è stato chiesto di un incontro di Alex con il dottor Michele Ferrari, medico gia´ inibito per doping. Didoni ha detto di avere saputo dell´incontro, svoltosi - ha detto - nel 2010 a margine di un meeting alle Canarie. "Quando ne parlammo - ha aggiunto il tecnico - Alex però liquidò il tutto, spiegandomi che con Ferrari aveva parlato del più e del meno". "Sapevo - ha detto - che Ferrari era una persona ´chiacchierata´, ma in quel momento non diedi peso alla cosa". Nella deposizione di Didoni anche un sms nella quale il tecnico diceva al marciatore: "Riempiti come un drago". Alla pubblica accusa Didoni ha spiegato che si trattava di una frase scherzosa di tipo goliardico. L´sms - ha affermato - fu mandato all´indomani di una serata trascorsa, durante i Mondiali del 2011, dopo una gara nella quale Schwazer si era piazzato 9/o. "Alex - ha raccontato il tecnico - appariva soddisfatto del risultato. Alla sera, poi, uscì con alcuni atleti ucraini e russi, con i quali, così mi raccontò, si parlò del doping con il quale, dicevano sarcasticamente i giovani dell´Est, Alex avrebbe potuto migliorare i suoi risultati". "Quando mi raccontò la cosa - ha detto Didoni - mi sono molto arrabbiato e gli ho detto che non volevo sapere nulla di queste faccende". Didoni, inoltre, ha ammesso di essere stato a conoscenza della tenda iperbarica che, secondo l´accusa, era stata acquistata dall´atleta negli Usa su Ebay. "Comunque - ha sottolienato - gli ho detto più volte che non ero d´accordo su questi mezzi". Didoni, infine, ha detto di avere avuto uno scambio di telefonate mentre Schwazer si trovava in Turchia, dove a settembre 2011 avrebbe acquistato dosi di epo. Ma della questione - ha detto Didoni - non si parlò mai.
(Ansa)

Fonte: Francesco Nocentini

Realizzazione siti web www.sitoper.it