23 Ottobre 2020
News
percorso: Home > News > Notizie

Vicenda deferimenti, Trost: "Atletica italiana è pulita, sostegno agli atleti in vista di Rio"

19-12-2015 08:01 - Notizie
Ai 26 atleti deferiti per elusione dei controlli antidoping con la richiesta di 2 anni di squalifica, va il "nostro sostegno, prima di tutto umano". Così la saltatrice azzurra Alessia Trost, a margine del tradizionale incontro di fine anno delle Fiamme Gialle al Tempio di Adriano a Roma. "Stamane ho visto Fabrizio (Donato, ndr) allenarsi in caserma a Ostia - ha spiegato l´azzurra, riferendosi a uno dei più noti campioni presenti tra i deferiti - e non penso che sia facile allenarsi con la testa da un´altra parte. Veramente abbiamo bisogno di un´atletica sana, bella, perché c´è ancora, anche se non sempre ce lo ricordiamo e non sempre ci aiutano a ricordarlo. Noi però andiamo al campo tutti i giorni, ci alleniamo, facciamo quello che abbiamo sempre fatto da quando eravamo più piccoli. Con tanta passione e con amore". "L´atletica è uno sport ancora pulito, ancora bello - ha aggiunto Trost -. Penso che questa faccenda si risolverà positivamente e non è retorica. Conosco i ragazzi, la squadra, tutti abbiamo bisogno di avere fiducia nello sport". Insomma per l´atletica italiana il momento è delicato e da gennaio si ripartirà con l´obiettivo di ripartire dai Giochi di Rio 2016: "Deve essere assolutamente il punto di partenza - dice la saltatrici in alto -, speriamo che possa essere l´occasione in cui l´atletica torna ad essere trasparente, ad essere lo sport del cuore. In questo momento di difficoltà non mi sento di dire altro, perché possiamo ripartire solamente da quello che è la nostra base: da Pietro Mennea e da Sara Simeoni, e da come ci immaginavamo il loro sport e la loro fatica".(ANSA).

Fonte: Francesco Nocentini

Realizzazione siti web www.sitoper.it